Copertina: Manuale di diritto penale-Parte speciale. Delitti contro la pubblica amministrazione, delitti di corruzione e cornice europea

Scheda completa

  • Canestrari S.
  • Cornacchia L.
  • De Simone G.
  • (a cura di)

Manuale di diritto penale Parte speciale. Delitti contro la pubblica amministrazione, delitti di corruzione e cornice europea

  • 2015
  • Mulino
Isbn edizione digitale: 9788815359452
Isbn edizione a stampa: 9788815252111

Capitolo primo Evoluzione legislativa, direttive sovranazionali e limiti al controllo di legittimità del giudice penale

1. L’evoluzione legislativa - 2. Le fonti sovranazionali sul fenomeno corruttivo - 3. Contrasto interno con l’obbligo convenzionale e con quello europeo - 4. Il principio della separazione dei poteri: origine storica e implementazione nel tessuto ordinamentale - 5. La c.d. «garanzia amministrativa» e l’intervento ablativo della Corte costituzionale - 6. Il sindacato del giudice penale sulla legittimità degli atti amministrativi - 7. Il nuovo rapporto tra cittadino e autorità pubblica nell’architettura costituzionale - 8. L’identificazione del bene giuridico di categoria - 9. Primazia europea, riserva di legge e giudice penale

Capitolo secondo Qualifiche soggettive

1. La «funzione tipica» delle qualifiche soggettive nei delitti contro la pubblica amministrazione e la loro natura «oggettiva» - 2. La mansione amministrativa (pubblica funzione o pubblico servizio) - 3. Gli altri pubblici ufficiali, esercenti funzioni legislative o giudiziarie - 4. L’esercente un servizio di pubblica necessità

Capitolo terzo Peculato

1. Genesi della norma - 2. Struttura oggettiva - 3. Dolo - 4. Forme di manifestazione del reato - 5. Peculato d’uso - 6. Rapporti con altre fattispecie - 7. Circostanze. Pena accessoria

Capitolo quarto Peculato mediante profitto dell’errore altrui

1. Genesi e «ratio» della norma - 2. Struttura oggettiva - 3. Dolo - 4. Forme di manifestazione del reato - 5. Rapporti con altre fattispecie

Capitolo quinto Malversazione a danno dello Stato

1. Inquadramento sistemico e funzione politico-criminale - 2. Struttura oggettiva - 3. Elemento soggettivo e consumazione - 4. Rapporti con altre fattispecie e (alcune) ipotesi concorsuali - 5. Responsabilità degli enti e confisca

Capitolo sesto Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato

1. Inquadramento sistemico e (pretesa) funzione politico-criminale - 2. Struttura oggettiva - 3. Elemento soggettivo e illecito amministrativo - 4. Rapporti con la frode ex art. 640-bis c.p. - 5. Rapporti con altre fattispecie - 6. Responsabilità degli enti e confisca

Capitolo settimo Concussione

1. Norma, precedenti storici e riferimenti comparatistici essenziali - 2. Struttura oggettiva - 3. Dolo - 4. Cause di giustificazione - 5. Forme di manifestazione del reato - 6. Rapporti con altre fattispecie - 7. Circostanze e pene accessorie - 8. Responsabilità degli enti

Capitolo ottavo Corruzione per l’esercizio della funzione

1. Fondamento della corruzione - 2. La l. n. 190/2012 di riforma dei delitti di corruzione e gli obblighi internazionali - 3. La corruzione per un atto d’ufficio e il quadro normativo precedente la riforma del 2012 - 4. Il «nuovo» delitto di corruzione per l’esercizio della funzione - 5. I profili sanzionatori e processuali - 6. Il diritto intertemporale

Capitolo nono Corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio

1. La corruzione «propria» e la riforma della l. n. 190/2012 - 2. Disvalore e oggetto di tutela nel fenomeno della corruzione generalizzata e nella corruzione «propria» - 3. Corruzione «propria» antecedente e susseguente - 4. I soggetti - 5. Gli elementi del fatto tipico. In particolare: l’atto contrario ai doveri d’ufficio - 6. Il «sistema» della corruzione e la corruzione «sistemica», inferenze interpretative e impatto della riforma sulla nozione di «atto d’ufficio» e «resistenze» della giurisprudenza - 7. Il denaro e altra utilità - 8. Il dolo - 9. Perfezione e consumazione. Tentativo e rapporti con l’istigazione (rinvio). Concorso di persone nel reato - 10. Circostanze. L’art. 319-bis (rinvio) - 11. Concorso di reati. I rapporti con la concussione e l’induzione indebita - 12. Responsabilità da reato degli enti

Capitolo decimo Corruzione in atti giudiziari

1. Genesi e «ratio» della norma - 2. Struttura oggettiva - 3. Dolo - 4. Forme di manifestazione - 5. Rapporti con altre fattispecie - 6. Circostanze - 7. Responsabilità degli enti

Capitolo undicesimo Induzione indebita a dare o promettere utilità

1. Norma e precedenti storici - 2. Struttura oggettiva - 3. Dolo - 4. Forme di manifestazione del reato - 5. Rapporti con altre fattispecie - 6. Circostanze e pene accessorie - 7. Responsabilità degli enti

Capitolo dodicesimo Istigazione alla corruzione

1. «Ratio» incriminatrice e progressivo ampliamento della punibilità nell’evoluzione legislativa dell’art. 322 c.p. - 2. Struttura oggettiva - 3. Dolo - 4. «Tempus commissi delicti» - 5. Rapporti con altre figure di reato - 6. Responsabilità degli enti

Capitolo tredicesimo Peculato, concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità, corruzione e istigazione alla corruzione di membri della CPI o degli organi delle CE e di funzionari delle CE e di Stati esteri

1. Variabili criminologiche e genesi della norma - 2. La struttura oggettiva dell’art. 322-bis - 3. Il bene giuridico e la «ratio» della tutela - 4. I soggetti attivi e l’accertamento delle qualifiche soggettive - 5. Le condotte - 6. Il dolo specifico - 7. Cause di giustificazione - 8. Il concorso di persone - 9. Profili di responsabilità degli enti - 10. Le novità della l. n. 69/2015 - 11. Scenari futuri

Capitolo quattordicesimo Abuso d’ufficio

1. L’evoluzione storica della disciplina - 2. Soggetti attivi - 3. Il bene giuridico tutelato - 4. La condotta tipica: la violazione di norme di legge o di regolamento e il c.d. «eccesso di potere» - 5. Merito amministrativo e abuso d’ufficio - 6. I parametri di qualificazione della condotta tipica: la nozione di «norme di legge» o di «regolamento» - 7. L’inosservanza degli obblighi di astensione - 8. L’evento - 9. Il dolo intenzionale - 10. Consumazione - 11. Tentativo - 12. La clausola di consunzione e il rapporto con altre fattispecie

Capitolo quindicesimo Rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio

1. Segreto d’ufficio: il bene giuridico - 2. Struttura oggettiva - 3. Elemento soggettivo - 4. Cause di giustificazione - 5. Forme di manifestazione del reato - 6. Rapporti con altre fattispecie - 7. Circostanze

Capitolo sedicesimo Rifiuto e omissione di atti d’ufficio

1. Evoluzione della norma - 2. L’atto d’ufficio - 3. Profili specifici della fattispecie di rifiuto di cui al comma 1 - 4. Profili specifici della fattispecie di omissione di cui al comma 2

Capitolo diciassettesimo Rifiuto o ritardo di obbedienza commesso da un militare o da un agente della forza pubblica

1. Profili storici e di diritto comparato - 2. Il bene giuridico tutelato - 3. L’elemento soggettivo del reato - 4. La natura del reato e la consumazione - 5. Concorso di reati

Capitolo diciottesimo Interruzione di un servizio pubblico o di pubblica necessità

1. Genesi e «ratio» della norma - 2. Struttura oggettiva - 3. Elemento soggettivo - 4. Cause di giustificazione - 5. Consumazione e tentativo. Concorso di persone - 6. Rapporti con altre fattispecie - 7. Circostanze

Capitolo diciannovesimo Violazione degli obblighi di custodia delle cose sequestrate

1. Genesi e «ratio» delle disposizioni incriminatrici - 2. Bene giuridico - 3. Soggetti attivi - 4. L’oggetto materiale e l’atto presupposto della condotta: il sequestro - 5. La condotta - 6. Elemento soggettivo - 7. Consumazione e tentativo - 8. Concorso di persone - 9. Profili sanzionatori - 10. La fattispecie colposa (art. 335 c.p.)

Capitolo ventesimo Confisca

1. Il quadro normativo - 2. Disciplina applicativa - 3. La previsione di cui al comma 1 - 4. La disciplina di cui al comma 2 - 5. La natura giuridica della confisca - 6. Il limite dei diritti dei terzi

Capitolo ventunesimo Traffico di influenze illecite

1. Le due ragioni del nuovo delitto di traffico di influenze - 2. Il viscoso formante sociocriminologico - 3. Cenni storici - 4. La comparazione - 5. Dalle proposte di riforma del codice penale alla l. n. 190/2012 - 6. Oggetto di tutela e disvalore - 7. I soggetti attivi - 8. Gli elementi del fatto tipico - 9. Il dolo - 10. Perfezione, consumazione, tentativo e realizzazione plurisoggettiva (eventuale) - 11. Le circostanze del reato - 12. La clausola di riserva - 13. Residui problemi della pluralità normativa. In particolare: il rapporto con il millantato credito - 14. Questioni di diritto intertemporale - 15. Responsabilità da reato degli enti

Capitolo ventiduesimo Corruzione tra privati

1. Le fonti sovranazionali - 2. L’evoluzione del quadro normativo - 3. L’interesse tutelato - 4. I soggetti attivi - 5. La condotta tipica - 6. Il «nocumento alla società» - 7. L’elemento soggettivo - 8. La clausola di sussidiarietà - 9. Il trattamento sanzionatorio - 10. Consumazione, tentativo e procedibilità - 11. La responsabilità degli enti