cover
  • Vassallo S.
  • (a cura di)

Sistemi politici comparati

  • 2016
  • Mulino
Isbn edizione digitale: 9788815329639
Isbn edizione a stampa: 9788815258953

Parte prima. L'analisi comparata delle democrazie

  • Capitolo 1
  • Politica comparata
  • 1. Politica, regime, stato, sistema politico - 2. Finalità e settori della scienza politica - 3. Perché è necessaria la comparazione - 4. Metodi di controllo storico e statistico - 5. Strutture, cultura, calcolo razionale e istituzioni - 6. La comparazione e l’analisi dei casi

  • Capitolo 2
  • Tipi di regime
  • 1. Definire la democrazia - 2. Misurare la democrazia e spiegare la sua diffusione - 3. Lo sviluppo della democrazia nel corso del tempo. Ondate e riflussi - 4. Le determinanti economiche e culturali della democratizzazione - 5. I fattori storici contingenti delle tre ondate - 6. Tipi di autocrazie e modalità della transizione - 7. Tipi di democrazie in base al disegno costituzionale

  • Capitolo 3
  • Elezioni e partiti
  • 1. Chi partecipa, quanto, perché, come - 2. Fratture e famiglie politiche - 3. La struttura organizzativa dei partiti - 4. Sistemi di partito - 5. La struttura dei sistemi elettorali - 6. Gli effetti dei sistemi elettorali

  • Capitolo 4
  • Parlamenti e governi
  • 1. Poteri condivisi, coalizioni, «agenda setter» e «veto players» - 2. Le funzioni dei parlamenti e l’impatto delle seconde camere - 3. Le regole che rafforzano il premier e la stabilità dei governi - 4. La logica e i vincoli elettorali della politica di coalizione

  • Capitolo 5
  • Modelli di democrazia e rendimento
  • 1. I falsi pericoli del presidenzialismo - 2. Le incerte virtù della democrazia consensuale - 3. Cosa viene prima? Economia, cultura, istituzioni

Parte seconda. Le maggiori democrazie europee

  • Capitolo 6
  • Regno Unito. Il modello Westminster sotto stress
  • 1. Il modello Westminster - 2. Partecipazione politica e partiti: vecchie etichette, nuovi «cleavages» - 3. La competizione elettorale: il declino del bipartitismo - 4. Il governo: i poteri del primo ministro - 5. Il parlamento: un bicameralismo «ereditato» - 6. Le istituzioni politiche territoriali: i paradossi della «devolution» - 7. I caratteri del «Policy making»: poteri e contropoteri - 8. I difficili rapporti con l’Unione Europea - 9. Conclusioni: un modello che cambia

  • Capitolo 7
  • Germania. La Repubblica del cancelliere
  • 1. Il disegno costituzionale: dalla «lezione di Weimar» Alla riunificazione - 2. Partecipazione politica e partiti: tra rivoluzione e continuità - 3. La competizione elettorale: bipolarismo e (poche) alternanze - 4. Il governo: democrazia del cancelliere e politica di coalizione - 5. Il parlamento: il bicameralismo federale - 6. Istituzioni politiche territoriali: il federalismo cooperativo in trasformazione - 7. Gruppi di interesse e burocrazie: il «modell deutschland» e il suo rinnovamento - 8. Vincoli esterni: la potenza europea «semiegemonica» e «riluttante» - 9. Rendimento e stabilità: tra modello maggioritario e modello consensuale

  • Capitolo 8
  • Francia. Il parlamentarismo a supremazia presidenziale
  • 1. La nascita della Quinta Repubblica - 2. Partecipazione politica e partiti: dal «rassemblement» alle primarie - 3. La competizione elettorale: erosione del centro e consolidamento del bipolarismo - 4. Il governo: concentrazione del potere esecutivo e razionalizzazione del parlamentarismo - 5. Il parlamento: un bicameralismo asimmetrico e disomogeneo - 6. Le istituzioni politiche territoriali: dalla tradizione centralista alla regionalizzazione - 7. I caratteri del «policy making»: esecutivo e alta amministrazione come «milieu décisionnel central» - 8. I rapporti con l’Unione Europea: tra spirito federale e difesa della sovranità nazionale - 9. Conclusioni: supremazia presidenziale e opinione pubblica

  • Capitolo 9
  • Italia. La Repubblica dei veti incrociati
  • 1. Una democrazia a lungo incompiuta - 2. Partecipazione politica e partiti: dalle subculture ai leader - 3. La competizione elettorale: dal proporzionalismo ai sistemi «majority assuring» - 4. Il governo: dalla stabile instabilità all’alternanza continua - 5. Il parlamento: dalla centralità alla fuga verso la decretazione - 6. Le istituzioni politiche territoriali: dal decentramento politicamente vincolato al rafforzamento delle autonomie - 7. I caratteri del «policy making»: la parabola del governo di partito - 8. I rapporti con l’Unione Europea: da ancora di salvataggio a ostacolo per la crescita - 9. Conclusioni: verso una «normale» democrazia dell’ alternanza?

  • Capitolo 10
  • Spagna. Ascesa e declino del bipartitismo
  • 1. Una rapida conversione alla democrazia - 2. Partecipazione politica e partiti: pochi iscritti ed elettori moderati - 3. La competizione elettorale: dal multipartitismo alla crisi del bipartitismo - 4. Il governo: la personalizzazione della leadership - 5. Il parlamento: un bicameralismo (ancora) debole - 6. Le istituzioni politiche territoriali: autonomie a geometria variabile - 7. I caratteri del «policy making»: governi decisionisti e scarsa concertazione - 8. I rapporti con l’Unione Europea: ancora una convinta integrazione? - 9. Conclusioni: tra spinte centrifughe e crisi economica

  • Capitolo 11
  • Polonia. Il semipresidenzialismo alternante
  • 1. Le radici e le nuove istituzioni della democrazia - 2. Partecipazione politica e partiti: linee di divisione mobili, partiti fragili - 3. La competizione elettorale: frammentazione e volatilità - 4. Il governo: le evoluzioni del semipresidenzialismo - 5. Il parlamento: verso una progressiva subordinazione al governo? - 6. Le istituzioni politiche territoriali: un timido regionalismo - 7. Gruppi di interesse e burocrazie: un dialogo sociale intermittente - 8. Vincoli esterni: Europeizzazione crescente e ambizioni internazionali - 9. Rendimento e stabilità: i problemi aperti del consolidamento democratico

Parte terza. Le grandi democrazie extraeuropee

  • Capitolo 12
  • Stati Uniti. Personalizzazione, istituzioni separate, governo diviso
  • 1. Bilanciamento dei poteri e garanzia dei diritti - 2. Partecipazione politica e partiti: fratture deboli, valori comuni forti - 3. La competizione elettorale: bipartitismo e personalizzazione - 4. Il governo: presidente e presidenza - 5. Il Congresso: dalla supremazia all’equilibrio - 6. Le istituzioni politiche territoriali: dalla doppia sovranità al federalismo cooperativo - 7. I caratteri del «policy making»: governo diviso, pressione dei gruppi e controllo giurisdizionale - 8. Conclusioni: il governo dell’unica superpotenza

  • Capitolo 13
  • Brasile. Il presidenzialismo di coalizione
  • 1. Il disegno costituzionale: le eredità dell’autoritarismo - 2. Partecipazione politica e partiti: la rappresentanza personalistica - 3. La struttura della competizione: investitura diretta dei leader e proporzionale - 4. Il governo: Una presidenza negoziale - 5. Il Parlamento: Bicameralismo paritario senza disciplina - 6. Articolazione dei poteri, «policy making» e rendimento

  • Capitolo 14
  • Giappone. Continuità delle élite e conflitti tra fazioni
  • 1. La costituzione di un paese sconfitto - 2. Partecipazione politica e partiti: fratture deboli, fazioni forti - 3. La competizione elettorale: dal Vsnt al misto maggioritario - 4. Il governo: continuità politica e compromessi - 5. Il parlamento: asimmetria e potere di scioglimento - 6. Le istituzioni politiche territoriali: un limitato decentramento - 7. La dottrina Yoshida, l’articolo 9 e i limiti all’uso della forza

  • Capitolo 15
  • Sudafrica. La democrazia dopo l’apartheid
  • 1. Il disegno costituzionale: dall’esclusione al dialogo - 2. Partecipazione politica e partiti: la diversità etnico-razziale e la centralità dell’African National Congress - 3. La competizione elettorale: supermaggioranze in un contesto proporzionale - 4. Il governo: dall’esecutivo di unità nazionale ai governi monocolore dell’Anc - 5. Il parlamento: un bicameralismo asimmetrico e una dialettica avversariale debole - 6. Le istituzioni politiche territoriali: un sistema quasi-federale con tendenze all’accentramento - 7. Gruppi di interesse e burocrazie: i limiti alla concertazione neocorporativa - 8. Vincoli esterni: gli spazi del nuovo Sudafrica - 9. Rendimento e stabilità: le sfide dello sviluppo e della lotta a povertà e disuguaglianze